La fretta

Confesso che ci sono cose che mi fanno un pò ridere, anche se il problema l’ho capito solo nella vecchiaia.

Ogni tanto mi capita di sentire. “Volevo telefonarti, ma non ho avuto cinque minuti di tempo” oppure “Ho tante cose da fare che non trovo il tempo per fare tutto, ci vorrebbe una giornata di 36 ore”

Fino a qualche annetto fa ero anche io così… facevo facevo facevo che non avevo neanche io il tempo per chiamare un amico per chiedergli come stava, per dialogare anche solo 5 minuti con l’altro…
ora questo modo di agire mi diverte, mi fa ridere, ma mi fa anche riflettere e le conclusioni sono amare

Annunci

Di male in peggio

Come alcuni di voi sapranno, Italo ha di recente offerto uno sconto del 30% agli utenti che si recassero al Family Day, la manifestazione omofoba organizzata nel tentativo di contrastare il percorso delle Unioni Civili in Senato, non offrendo nessuna agevolazione a chi invece si radunasse per #SvegliaItalia

L’azienda si è giustificata dicendo che questa fosse una scelta puramente commerciale e non legata a questioni di natura politica e sociale salvo poi non rispondere quando gli viene fatto notare che allora anche una convenzione con skineads, torturatori, criminali, mafia sarebbe stata da loro altrettanto ben accetta.

Come Barilla insegna alle volte è meglio stare zitti (o nel nostro caso siamo fortunati ad aver capito cosa ci sia dietro questa azienda) tanto che paradossalmente, dopo l’autogoal hanno avuto un calo non previsto dei viaggiatori di circa l’8% (Sole24ore.it) che “molto probabilmente” sono dovuti alla reazione di antipatia scatenata in una moltitudine di utenti abituali.

Chi ha subito dato il via al Tam Tam ed a diffondere la notizia in modo da “boicottare” chi cerca di boicottare i diritti umani sono stati sia la Rete Lenford, Avvocatura per i Diritti LGBTI che Red di Bologna, oltre ad un iniziativa su Facebook con una pagina chiamata “BOICOTTAITALO” che in pochissime ore ha raccolto migliaia di mi piace.

Un ulteriore ringraziamento, a chi non vuole far passare inosservata la notizia, è nei confronti di tutti quegli utent che hanno condiviso (e si adopereranno in tal senso) per far capire a queste aziende che chi vuole pari diritti ed eguaglianza in italia non è una minoranza, ma la maggioranza delle persone e che soltato facendo valere il nostro peso sia socialmente, che economicamente, costringeremo a chi ci boicotta ad accettarci anche nel loro stesso interesse.

E ti fanno pure la pubblicità del bambino che non vuol più scendere…